Ciriè ai tempi del Far West: quarto capitolo

Cirié ai tempi del WEST. Quarta puntata.

Loredana Girl osservo’ il parroco e disse:” Giusto lei stavo aspettando. Deve andare a benedire il mio ufficio. L’ho fatta arrivare apposta. E’ da diversi giorni che la stavo aspettando. E guardi, già che è arrivato, si prenda i marshal, le pistolere, il Dario e il ricercato. Mi porti anche via la Sunday che continua a parlare di voler fare un “armata”..non ho ben capito per cosa. Se vede che continua a dire cose strane, magari dia anche una benedizione a lei. Si porti via anche la Cinzia Girl, che so.. la confessi e per penitenza le dia dieci ave Maria e l’obbligo di non cercarmi più almeno fino al prossimo Natale.”
“Si credo proprio sia il caso che restiate un po’ soli. Magari seduti su di questa roccia che sovrasta tutta la pianura. Belle le montagne. Ti fanno pensare, vero?” Rispose il nuovo parroco.
“Ti faremo sapere, prete! Ti faremo sapere se riusciremo a pensare!”
Rispose Franco Man senza mai volgere lo sguardo verso di lui. “Ci mancava il prete impiccione a Cirié City” prosegui Davide Boy. “Tanto gli faremo fare la fine dell’altro. Una sera al Saloom Doria e si dimenticherà di aver preso i voti.”
“Speriamo non sia astemio. Ma dubito, con quella faccia lì!” Riprese Luca Boy.
Si ritrovarono seduti su una roccia abbastanza spaziosa da poterli ospitare. Loredana Girl mentre camminava si era pentita di aver mandato via così presto i suoi marshal. ” potevo tenermene almeno un paio.” Disse. ” qui la strada è tutta sterrata. Le avrei dato una pala e un picco, così la sistemavano.. oramai.. sarà per la prossima”
Erano tutti e quattro lì seduti e a un certo punto lo sceriffo chiese: ” ma ragazzi, ditemi.. voi cosa vedete di fronte ai vostri occhi? Dico sul serio, cosa vedete?”
Franco man si alzò, guardo la distesa di campagna ai piedi della Lanzo Valley e disse:” io vedo una immensa distesa di canapa. Canapa ovunque fin sotto le montagne. E poi bancarelle che vendono canapa e turisti da tutte le vallate che corrono per acquistare altra canapa”
La carovana con il prete e tutti gli atri era già piuttosto lontana, ma qualcosa arrivo’ comunque all’orecchio del pistolero Nando. “E vai! Canapa!” Urlo a squarciagola!
“Canapa?” Chiese lo sceriffo. ”
E che ci facciamo con la canapa?”
“Ehm .. diciamo che ci possiamo produrre un sacco di cose… adesso me ne viene in mente una, ma c’è ne sono un sacco di altre..”
Rispose.
“Potrebbe essere un investimento per la città”, penso’ lo sceriffo. Tanto avevo già in programma di mettere i vecchietti della City a zapparmi il giardino. Terapia, le ho fatto credere.. speriamo abbocchino.
“Tu, Davide Boy? Cosa vedi?” continuo la gringa. .Il Davide si alzò in piedi e disse iniziando a parlare sotto forma di Rap : ” io vedo gente. Baldoria. E poi un sacco di Saloom, distillerie di whisky ovunque. Poi vedo case colorate, pitturate con disegni di tutti i colori. Gioventù ovunque! Musica e balli. Feste.”
“Caspita! Ma ci sarà anche chi vuole dormire, no?, comunque potrebbe essere un investimento anche questo per la città” pensò.
“E tu Luca Boy? Cosa vedi?”
Il Luca si alzò anche lui, guardo’ oltre Cirié City e disse:” io vedo Unione con le altre contee. Vedo tante piccole comunità che si uniscono per dar vita a una nuova terra. Vedo investimenti con prospettive più ampie. Oltre Cirié City.”
“Un po’ imperialista, ma anche questo e’ un investimento per la città” continuo a pensare la Loredana Girl.
A questo punto mancava proprio solo più il suo di punto di vista. Lei si giro e osservo il centro di Cirié City che stava proprio alle sue spalle. “Io vedo il centro della città come il vero polmone di tutta la contea. Vedo che è da qui che deve nascere e crescere tutto. Ma le vostre vedute mi hanno fatto capire che si può sempre aggiungere qualcosa ai nostri progetti.” Si alzò in piedi, fece due passi indietro, estrasse dalle fodere due pistole e le punto’ contro i tre malcapitati. Provarono anch’essi a prendere le loro armi, ma lo sceriffo sparò una raffica di colpi contro la terra sottostante tirando su un sacco di fumo. Capirono che erano in trappola.
“Peccato che dovrò farvi fuori. Così tutto quello che verrà fatto, sarà opera mia e solo mia”
“Scusa… ehm .. queste cose che hai sentito erano nei nostri programmi elettorali.. potevi leggerli già da tempo…”
“Davvero? Avevate fatto dei programmi elettorali? Non li ho letti. A questo punto vi risparmio la vita e grazie per le soffiate. Poi ditele le cose, che diamine!”

 

Di Alessandro Baccetti

More from Alessandro Baccetti

Like, like, like

A noi non interessa avere Like come qualcuno (sempre i soliti ANTI-L’ALTRA...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *