Centri benessere…miracolosi

“Circa un anno fa le mie figlie mi hanno regalato, per la festa della mamma, un massaggio rilassante in un centro benessere…sai.. di quelli nuovi, aperti da poco in zona… quelli cinesi”.,mi racconta Rita.

“Che bel pensiero!” dico io, che in realtà non amo molto stare immobile e farmi massaggiare il corpo… io sono più per il moto…o tutt al più per i bagni termali… insomma comunque una bella idea regalo per una mamma che ogni giorno è sottoposta a stress ed è giusto che si ritagli del tempo solo suo.

La rincontro qualche tempo dopo e mi ricordo di chiederle come si è trovata nel centro benessere scelto dalle figlie: mi racconta di un massaggio a 4 mani, a suo dire un po troppo “invasivo”… ma lei non è solita fare massaggi, quindi secondo me è un po pudica e si imbarazza se le mani arrivano a palpare con energia le zone dei glutei e dell interno cosce, che comunque hanno bisogno di un movimento energico e circolatorio…come provano ad insegnarci anche le istruzioni sulle creme drenanti o modellanti.

Poi mi racconta del bagno nella vasca termale (così la chiama…anche se in queste zone di acque termali non mi pare ce ne siano…!)…e qui, la sua ingenuità mi lascia perplessa : “non so… le dita delle massaggiatrici provavano ad infilarsi ovunque”…. e probabilmente visto il suo scostarsi continuo, le signorine hanno pensato che non aveva altri interessi oltre ad un semplice massaggio.

Rido del suo imbarazzo… penso che chi frequenta i centri massaggi sia abituata a mostrarsi e farsi toccare anche da un’ estranea in zone un po intime del proprio corpo.

Poi oggi faccio un giro per Torino, e in Corso Vercelli vedo un centro massaggi cinese chiuso per sequestro: pare che in questi giorni, nel nostro capoluogo, ci sia stato un blitz che ha fatto chiudere ben 47 centri perchè, dietro la facciata del centro benessere, si nascondevano giri ambugui con induzione e favoreggiamento alla prostituzione.

Chissà se anche il salone frequentato dalla nostra amica Rita faceva parte di quelli chiusi… e allora mi dico che forse non aveva tutti i torti a sentirsi imbarazzata, probabilmente tutte le manovre effettuate sul suo corpo avevano uno scopo ben lontano dal rilassamento… ma forse più al far nascere in lei esigenze ed emozioni diverse da quelle che avevano previsto le sue figlie.

di Cinzia Somma

Credit immagine: http://www.paologambi.com/

Written By
More from Cinzia Somma

Chi dice donna dice dono

Dedicato alle donne e contro la violenza che subiscono: “LE DONNE CHE...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *