Storia di ordinaria follia

Ho sempre avuto poca fiducia negli assistenti sociali, talvolta ho pensato che l’unico modo per tenersi un posto di lavoro fosse enfatizzare i problemi di alcune famiglie e “gestire” così il destino dei figli. Timore mio, magari infondato, è un mio limite (uno dei tanti).

Poi leggo dell’associazione a delinquere creata in un comune emiliano dove professionisti (assistenti sociali appunto, medici, psicoterapeuti e politici) sottraggono bambini alla propria famiglia d’origine per metterli nelle mani di persone perverse e squilibrate, disposti a pagare per farne carne da macello; in alcune situazioni sono stati abusati e le loro condizioni attuali (fisiche e mentali) sono precarie.

Potevo comprendere, se questi bambini venivano tolti a famiglie problematiche per vivere una vita migliore con persone desiderose di avere un figlio, ma impossibilitate ad averne. Se fossero stati destinati a persone di cuore, a ricevere amore in maniera incondizionata. Invece no, un traffico di anime pure sottratte alle loro origini.

E a gestire questo sistema una Onlus (organizzazione non lucrativa di utilità sociale) piemontese e un sindaco compiacente del PD, Andrea Carletti, di Bibbiano (“pienamente consapevole del business sui bambini”, dichiarazione del gip).

Ho sempre sorriso quando dicevano che “i comunisti mangiavano i bambini”, ma oggi, comunisti o meno mi rendo conto che l’uomo è capace di gesti orribili e innaturali, che la coscienza è un optional e che per i soldi non si guarda in faccia a nessuno.

Uno schifo… cosa meriterebbe questa gente?

di Cinzia Somma 

Written By
More from Cinzia Somma

Nuovo LIDL

Gli ultimi preparativi in queste ore per la nuova apertura del supermercato...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *