Inciviltà e incapacità vanno a braccetto

Era ottobre 2017 quando la nostra amica Mariangela, nell’occasione annuale in cui il sindaco Loredana Devietti incontra i cittadini, le faceva notare la difficoltà a parcheggiare nel posto riservato a suo figlio Marco, disabile dalla nascita, in Via Gazzera. Chiedeva che venissero ripassate le strisce gialle in modo da risultare più evidenti.

Questo link riporta il resoconto di quella serata di due anni fa. Ancora una volta le promesse del sindaco vengono disattese.

https://m.facebook.com/groups/1728999344007617?view=permalink&id=1960053230902226

Ad oggi nulla è stato fatto e poco importa a questa amministrazione delle sollecitazioni presentate in comune e delle reali difficoltà che la famiglia deve affrontare ogni giorno. Forse non le importa nemmeno del fatto che il papà di Marco debba recarsi ogni volta presso il negozio di elettrodomestici a cercare il furbetto di turno che parcheggia in un posto riservato senza averne diritto.
Oggi si è ripetuta la stessa tiritera con la differenza (gravissima) che il papà di Marco si è innervosito talmente tanto per le risposte strafottenti del furbo di turno, che gli si è alzata la pressione e ha rischiato di dover essere trasportato in ospedale.

Dobbiamo veramente arrivare a conclusioni drastiche prima che si prenda in seria considerazione il problema di questa famiglia? Non credo che ci voglia tanto per colorare di giallo un parcheggio o mettere un blocco in modo che ci possa entrare solo chi ne ha diritto.

L’amministrazione pensa di muoversi o dobbiamo acquistare vernice gialla a nostre spese?

P.s. la foto è di oggi, l’auto è parcheggiata da oltre un’ora e non ha il tagliando per i disabili.

di Cinzia Somma 

Written By
More from Cinzia Somma

Emergenza abitativa: scelta mia, responsabilità condivisa

La scorsa settimana si è riunita la III commissione consiliare, presieduta da...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *