La querela? Ve la spiego io

Ormai è noto a chi bazzica sui social o a chi si affida alle testate locali per essere sempre aggiornati su quanto avviene in città, che il sindaco Loredana Devietti, con un post su fb pubblicato giovedì 5 maggio, ha affidato a fb la comunicazione in cui informa la popolazoione che “dopo averci pensato tanto” ha deciso di sporgere querela poichè a suo dire”il suo operato e quello dei suoi uffici, è stato diffamato”. Il tutto senza svelare contro chi fosse rivolta la denuncia.

Questi i fatti: il 26 marzo pubblico un articolo proprio su questo blog (E’ sempre colpa del postino?), ci ho pensato parecchio, perchè sono ben cosciente che la questione rifiuti è complicata da affrontare, sia per la maggioranza che per l’opposizione, non voglio dilungarmi perchè scatenerei altre polemiche e in questo momento mi sembra fuori luogo.

In sostanza, ricevuta la notifica di querela da parte del Luogotenente Angelo Stampiggi, questo si è reso mediatore per un tentativo di conciliazione tra le parti ed ecco che questa sera è avvenuto l’incontro con il sindaco, nella caserma dei carabinieri cittadini.

La Devietti ha esposto le sue ragioni e le motivazioni per cui non ha potuto evitare di procedere legalmente, in quanto responsabile di uffici ed amministrazione; la Devietti ha affermato inoltre che lei non aveva il potere di fermare alcun invio delle missive, comprendo ora che le mie affermazioni, al contrario, accusavano direttamente e ingiustamente lei anche di trarre vantaggio da questa manovra per le imminenti elezioni amministrative.

Pertanto ho assicurato a lei e al gentilissimo e disponibile Luogotenente Stampiggi che mi sarei occupata e preoccupata di porgere pubbliche scuse con lo stesso mezzo con cui la avevo accusata.

Questo è.

Spero di aver fugato qualsiasi dubbio riguardo la correttezza dell’operato di uffici e sindaco.

di Cinzia Somma

Written By
More from Cinzia Somma

L’alunno più buono d’Italia

Come si diventa l’alunno più buino d’Italia?? Io l’avevo immaginato ordinato, con...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *