Ritorno al passato

Quindi è ormai deciso. I sondaggi parlano chiaro. Sarà lei la prossima primo ministro italiana. Sarà Giorgia a stabilire le nuove regole e ad inquadrare finalmente il nostro paese. Tanto per iniziare gli immigrati non saranno più così scuri come li vediamo adesso.

Arriveranno tutti dal Venezuela. In una intervista ha infatti detto che ci sono un sacco di italiani immigrati in Venezuela e adesso li rivuole:”perché non prendiamo loro?” ha ribadito. Quindi le pelli saranno tutte di un colore più omogeneo. Infatti non se ne poteva più di questa cozzaglia di colori. Tutto deve tendere al bianco.

Finalmente nessun più deviato per la strada. Scriverà le regole che ogni cittadino dovrà seguire e nessuna deviazione verrà più accettata. Obesità, anoressia, dipendenze da droghe e psicofarmaci, depressioni, perversioni sessuali, nulla di tutto questo accadrà mai più nel nostro bel paese. Ci sarà solo più lo sport a salvaguardare i nostri figli e le nostre anime deviate. La mattina presto tutti saremo chiamati in piazza a suon di tromba a fare flessioni e corsa.

E poi tutti a produrre per il bene del paese.Nessuno sarà più senza lavoro. Dopo essersi diplomati o laureati i nostri ragazzi verranno obbligati a lavorare.

Non importa dove. Non importa se avranno studiato medicina e verranno assunti in una tavola calda. Dovranno lavorare e basta. Il reddito di cittadinanza verrà immediatamente sospeso e i poveri … vabbè non ne ha parlato di cosa accadrà ai poveri.

Dice che farà nascere nuovi posti di lavoro ma non ha detto come. Starà ancora progettando. Infine il ritorno alla leva obbligatoria per ragazzi e ragazze. I nostri figli e figlie torneranno a riempire caserme e ad addestrarsi alla guerra.

Insomma una visione che ho già sentito raccontare su qualche libro di storia. Non ricordo però … ah aspetta forse c’entra quella fiamma

🔥

che spunta nel simbolo di fratelli d’Italia e che non vuole che nessuno gliela tocchi?

di Alessandro Baccetti

More from Alessandro Baccetti

Il mistero dell’agenda chiusa

C’era una volta, tanto tempo fa (due ore fa per l’esattezza), un...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *