Alberi? No, colonne del mondo

Si lo sappiamo.

Lo sappiamo benissimo che sono solo dei pini. Che sono solo degli alberi. Che se ci sono, ci riparano dalla pioggia, ma che se vengono tagliati, la pioggia ce la ripara l’ombrello.

Sappiamo che non stiamo parlando dell’abbattimento di un ospedale, ma sappiamo anche che se lasciamo il nostro territorio in mano a gente che ragiona sul “bello” a proprio piacimento, si perdono le nostre vere e proprie radici.

In qualsiasi altra città hanno combattuto fino alla stremo per non far abbattere alberi, anche molto meno vecchi dei nostri, mentre qui nessuno ha mosso un dito.

E non solo! nessuno ne ha neppure parlato sui social. Ovvio che incombe la paura della querela, in quanto ormai non si può più scrivere nulla perché arrivano i carabinieri o i vigili chiamati dalla giunta a notificare carte bollate.

E Infatti dovrebbero essere le minoranze in giunta (come avviene in qualsiasi altra città) a battere i pugni. Ma poichè a Ciriè si limitano (al massimo) ad una semplice domanda informativa, poco prima del consiglio comunale, noi continuiamo a dire che quei pini non andavano abbattuti.

Inutile tirare in ballo il fattore “sono pini marini e con Ciriè hanno poco a che fare”, inutile parlare di cambiamenti climatici, quando questi fenomeni spesso si scatenano proprio perchè sono mutate le condizioni della vegetazione locale, e soprattutto la soluzione è piantare alberi, non sradicarli!

Ma come dicevamo, in qualsiasi altra città scendono in Piazza per evitare che un solo albero venga abbattuto, mentre qui nessuno ha mosso un dito.

Quindi perchè accontentarci di un perito di parte (della giunta, ovviamente!) che consiglia l’abbattimento?

A noi piace il confronto a 360°, dove chiunque può esprimere le proprie perplessità, non solo chi ci fa comodo, dunque, abbiamo interpellato un botanico che fa questo mestiere da 40 anni, ed ha confermato le nostre perplessità.

Naturalmente si è recato sul posto e non si è basato su foto pubblicate qua e là.

Il Dottor Ettore Sisci ha innanzitutto posto la questione della noncuranza di molti comuni sulla paesaggistica naturale delle città. Ci ha parlato di una probabile malattia che avrebbero potuto contrarre questi alberi. Una malattia che colpisce i pini non solo di Ciriè, ma quelli di un po’ tutto il paese. Si tratta di un disseccamento.

Ma questa patologia, a suo parere, non portava al rischio di schianto. Insomma la cosa strana è che vengono tagliati proprio adesso che c’è il progetto di riqualificazione dell’area.

Bisognerebbe vedere la documentazione e gli esiti delle analisi fatte da specialisti professionisti del settore.

Ma noi non siamo nulla e nulla ci è dovuto. Siamo solo dei cittadini.

Magari qualcuno vicino alla giunta riesce a recuperare qualcosa? magari…

di Alessandro Baccetti e Cinzia Somma

More from Alessandro Baccetti

Delirio di un “compagno”

Cirié 2 GENNAIO 2022 Chi vi scrive lo fa da un sottotetto…In...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *