QualCISA non Funziona

Che ci siano stati dei problemi di comunicazione è evidente, che i problemi vadano risolti è un diritto sacrosanto.

Per questo motivo attendiamo delle risposte, in primis dal Consorzio Cisa e nello specifico del presidente Burocco: se la spiegazione non è stata chiara, se la comunicazione è stata carente, se gli obiettivi non sono stati raggiunti non si può accusare tutta una città di essere distratta e menefreghista, anche perchè era chiaro da subito che gli obiettivi erano assolutamente fuori portata.

L’obiettivo dichiarato da Cisa era di portare la quota di differenziato dal 66 all’80%, e tale obiettivo è stato miracolosamente raggiunto, come testimoniato dai giornali locali nei mesi passati, ma a una più attenta analisi dei dati, emergeva anche che ci sarebbe stato un risparmio per i cittadini ciriacesi solo al raggiungimento di una quota di differenziata pari all’85%, quindi ben oltre gli obiettivi dichiarati e ben oltre le direttive europee.

Tutta la manovra assumeva quindi, da subito, i contorni di una stangata annunciata (con buona pace di tutti, tanto alla fine secondo Burocco se pagate di più è perchè ve lo meritate).

Detto questo, per portare un esempio concreto, vorremmo sapere quanto costa ogni passaggio ed ogni passaggio supplementare, perchè è inaccettabile che un condominio composto da 10 famiglie, avendo già versato la quota di 200 euro a utenza, debba pagare, con il conguaglio, ulteriori 350 euro. Un tantino esagerato, direi…

Oltretutto nel 2020, anno disatroso sotto ogni punto di vista, tranne che per gli utili del Consorzio.

2020 anno di una pandemia mondiale, anno in cui, per decreto, chiunque avesse un solo componente del nucleo familiare infetto da Covid, era obbligato a conferire tutti i rifiuti nel bidone dell’indifferenziato.

E anche su questo avevamo già espresso le nostre perplessità.

Ma chiaramente nel problema non è solo coinvolta la Cisa, dobbiamo dare uno sguardo anche alla SIA ( la ditta preposta per effettuare la raccolta): come ha fatto a conteggiare i rifiuti se la maggior parte dei bidoni è sprovvista di microchip?

E infine, gli uffici amministrativi, che dati ricevono dal Consorzio e come li elaborano? Come è possibile che addirittura all’interno di un solo condominio (con un unico cassonetto comune) alcune famiglie abbiano ricevuto il conguaglio, altre no? Le cose son 2, e delle due una: o sono state mandate alla rinfusa, senza alcun criterio, o tutte le altre famiglie devono aspettarsela prossimamente. e poi, l’ufficio tributi collabora con l’ufficio anagrafe per avere la certezza che tutti i nuovi residenti abbiano fatto richiesta di pagamento anche per la TARIP? Perchè pare che intere famiglie residenti nel nostro comune da parecchi anni, non abbiano MAI pagato la tassa rifiuti.

Da questo si evince che le percentuali fornite al sindaco dalla Cisa, e con le quali ha provato di tranquillizzare i cittadini (“10% piccolo conguaglio, 10% cifra esorbitante”), mettendoci la faccia,a mio parere del tutto ignara di quanto stia accadendo nel Consorzio, sono completamente errate.

Un censimento sarebbe d’obbligo.

Le domande sono tante, e molti cittadini scontenti.

Pertanto chiediamo delle risposte, manifestando sabato 11 settembre alle ore 10.30 presso il viale cittadino, all’altezza di Palazzo D’Oria.

La manifestazione è apartitica, e mi piacerebbe che partecipassero indistintamente tutte le forze politiche di amministrazione e opposizione poichè il problema riguarda tutti.

Naturalmente tutti i cittadini sono invitati calorosamente a partecipare, anche chi è stato virtuoso.

Ci tengo a precisare che non mi sento di dare colpe all’amministrazione Devietti, o almeno non solo, perchè tutti avrebbero dovuto vigilare sulla questione.

L’unica cosa che chiederei nello specifico al nostro sindaco, visto che la situazione è davvero poco chiara, e poichè è riuscita in tempi celeri a posticipare il pagamento a fine novembre, chiederei, appunto, di intervenire con il Consorzio affinchè lo sospenda fino ad accertamenti concreti.

Baccetti, cambia il turno al lavoro, come ho fatto io, anche perchè a te è arrivato il conguaglio, a me no, o almeno, non ancora!

di Cinzia Somma

Written By
More from Cinzia Somma

Giustino Scotto: rosso dentro

E’ lunedì pomeriggio, e il bar dove ci siamo dati appuntamento è...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *