Il Rinascimento parte dai piccoli

Quanti giardinetti-parco giochi ci sono nella nostra bella Ciriè?? Tanti! Oltre una decina, dislocati in differenti zone per garantire un’area giochi per i più piccoli, senza dover necessariamente prendere l’auto per arrivarci.

Ma avete osservato se sono accessibili a tutti?? Molte mamme vi si recano con i bimbi nel passeggino, e non sempre l’accesso è semplice. Figuriamoci se ad entrare è un bambino disabile in sedia a rotelle: in alcuni parchi giochi (Via Lirone, Via Basso, Via Dante) l’accesso è “off limits”.

Gradini più o meno alti o terreno disconnesso che impediscono a qualunque mezzo su ruote di poter entrare.

…e quante giostrine ci sono a disposizione dei bambini disabili? Nessuna! In oltre 10 parchi giochi, nessuno è attrezzato per i bambini non “autonomi”.

Ora, al di la del fatto che i nostri giardinetti sono progettati esclusivamente per bambini normodotati, avete un’idea di quanto le giostre siano in sicurezza?

Ci sono altalene non fissate a regola d’arte al pavimento, “su e giù” senza viti, parti completamente rotte e pericolose, e poi le fontane.

Non in tutti i parchi giochi ci sono fontane; inutile dirlo, un bambino accaldato ha sete, o, dovesse farsi male o sporcarsi, la presenza della fontana funzionante sarebbe un bell’avere!!

Funzionante! Per l’appunto! Perché in alcuni giardinetti, la fontana c’è ma, o è rotta, o non eroga acqua.

In altri la fontana è del tutto inesistente.

E l’illuminazione? Anche per quanto riguarda le luci, non tutti i parchi-campi gioco le hanno.

Stessa sorte per i cestini per i rifiuti, talvolta senza sacchetti.

Vogliamo cominciare da qui? Vogliamo essere cittadini attivi che si prodigano per migliorare le condizioni della nostra città?

Non è una guerra, ci mancherebbe, ma una semplice richiesta di attenzione che rivolgiamo alla nostra amministrazione.

Abbiamo organizzato una raccolta firme, il cui scopo è quello di migliorare la fruibilità dei giardinetti-parchi giochi.

Cosa ci serve? semplicemente un documento d’identità e una firma.

Raggiunto un numero sufficiente di firme, andremo a protocollare il tutto in Comune.

Poi dovremmo solo aspettare fiduciosi la risposta della nostra amministrazione.

Intanto partiamo da qui.

Potrete richiedere di firmare la petizione da Orazio e Nunzia presso il “Mano Caffè‘” di Via Cibrario  2  o da Paola e Manu presse la gastronomia “La bottega del gusto” di Via Roma  48. Naturalmente se altri negozianti o volontari vogliono aiutarci nella raccolta, non bisogna far altro che contattarci, saremo lieti di portarvi i fogli e coinvolgervi nella petizione.

Sicuramente ci incontrerete per le strade a richiedere il vostro aiuto.

di Cinzia Somma 

Written By
More from Cinzia Somma

Chi dice donna dice dono

“Un vero uomo conquista con la forza del cuore, non con le...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *