“L’artistica amicizia”: Gazzera, De Chirico, Savinio

Molto bella la mostra inaugurata a Palazzo D’Oria sabato 7 aprile. Sicuramente da visionare. L’esposizione comprende 20 opere principalmente di Romano Gazzera, ma anche dipinti di Alberto Savinio e Giorgio De Chirico, uniti in questa esposizione perchè legati da una forte amicizia.

Oltre ai quadri caratterizzati da fiori giganti, che rappresentano la supremazia della natura sull’essere umano, è possibile visionare foto e lettere che si scambiavano i tre artisti, queste ultime in particolare danno dimostrazione del legame che c’era tra di loro, senza nessun tipo di competizione: si leggono consigli e suggerimenti per le tecniche ed i colori da adottare nei vari lavori.

Molto curata nei particolari, ma naturalmente la direzione artistica del Dott. Giuseppe Novero e la partecipazione della Fondazione Gazzera, sono sinonimi di garanzia, non potevamo aspettarci di meglio.

Solo un appunto, da non addetta ai lavori e quindi ignorante in materia. La mostra è costata al Comune di Ciriè circa 60mila euro. Una cifra importante, che non voglio valutare se adeguata o meno all’evento. Sicuramente molti soldi.

Non ho trovato alla fine del “percorso” un registro o una sorta di diario in cui i visitatori potessero scrivere sensazioni a caldo di quanto appena visionato. Pensavo servisse ad avere un riscontro più o meno oggettivo del numero di persone passate di là. Ultimamente ho partecipato a 2 mostre e ad entrambe c’era un mega quaderno su cui scrivere. Naturalmente questi non avrebbero fornito dati precisi, probabilmente alle personali serie si distribuiscono cataloghi, brochure o biglietti da visita (naturalmente se l’artista è ancora in vita…) e questi danno un resoconto più o meno reale delle visite.

Ecco alcuni dei quadri esposti alla mostra “Artistica Amicizia”

Per questa mostra nulla. Quindi la mia domanda è: a fronte di una spesa così ingente, come fa l’amministrazione a capire se i soldi sono stati ben spesi o scialacquati?  

 

 

 

 

 

Con un registro indicativo dei passaggi si ha comunque uno storico su cui riflettere e confrontarsi nel momento in cui si voglia realizzare un’esposizione simile. Senza dati oggettivi, come può valutare se l’evento è stato un successo o un flop? E ancora, a fine mostra, come si dimostreranno i passaggi, i numeri verranno dati a casaccio?

Perchè in tal caso non va bene. E’ giusto valutare attentamente se investimenti di questo calibro portino oltre che cultura ed arte in una splendida città, anche vantaggi a livello economico: alberghi e ristoranti hanno riscontrato un aumento di lavoro?

Mi auguro che ci fosse un pallottoliere nascosto, e che l’evento non sia stato fine a se stesso, ma che si abbia un quadro preciso di quanto l’investimento sia stato valido.

Ah! Stavo per dimenticarlo, ma ci tenevo invece a fare i miei complimenti per l’organizzazione e la preparazione dei ragazzi degli istituti superiori che hanno fatto da Cicerone per l’intera mostra, ricoprendo tutti gli orari di apertura al pubblico.

Di Cinzia Somma

 

Written By
More from Cinzia Somma

Genitori separati: padri a rischio

Un padre disperato della nostra zona ha creato una pagina su un...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *