Un progetto ambizioso

Ci state a costruire qualcosa di nuovo? Vi va di far parte di un progetto bizzarro e azzardato che pretende di addentrarsi in luoghi ancora inesplorati? Siete pronti ad andare oltre gli schemi? Ve la sentite di affrontare qualche attimo del vostro quotidiano in maniera diversa?
In fondo pensateci un attimo.

Ragionate su quanto può essere bello vivere diversamente. Nessun dogma, nessuna imposizione, nessun pregiudizio e nessuna remora. Noi e solo noi ad affrontare il nuovo che prima o poi doveva pur avanzare.

Noi che crediamo fermamente nelle utopie e pensiamo che dare spazio alla fantasia mischiata alla realtà, può rendere il nostro essere al di sopra degli altri. Ricchi e poveri. Belli e brutti. Geniali e frastornati. Tutti insieme in un unico calderone.

Tra un foglio e un’altro, tra un pianto di bambino e un abbraccio, tra un attimo di pausa e uno di ribellione, ecco che ci arriviamo noi.

Noi che su Facebook siamo arrivati in pochi mesi ad avere migliaia di nomi e cognomi.

Noi che raccontiamo ma soprattutto noi che ascoltiamo.

Cosa vuol dire vivere nelle nostre terre? Davvero pensate che per il solo fatto di esserci, dovremmo abbassare il capo e vivere l’asfalto? Noi crediamo di no! Noi sappiamo che possiamo spostare il nostro quotidiano in un posto nuovo, diverso. Un posto da dove si può ammirare anche il cielo e le stelle.

L’asfalto serve per trascinare i piedi e non per adagiarsi. Davvero un posto nuovo, insomma. Un rifugio dove alloggiare i nostri pensieri, le nostre paure, le nostre risate e le nostre rabbie.

Un posto davvero nuovo. Un utopia insomma. Un regno al quale vogliamo dare un nome. Un nome importante, proprio come noi. Il blog laltracirie.it, e’ nato! Allora, cosa dite? Ci state a stare un po’ con noi?

Di Alessandro Baccetti

More from Alessandro Baccetti

da Principini e Principesse a…Bulli

Visto che si parlava di bullismo vorrei condividere un post dal mio...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *