Giulio Perrotta: spiriti, spiritismo

Ecco la tanto attesa recensione della serata tenuta dal Dott. Giulio Perrotta, tutta dedicata agli spiriti e allo spiritismo, che ci ha tenuto con il fiato sospeso per un’intera serata.

Ha mostrato al copioso e partecipe pubblico tutti i suoi studi e i dati tecnici relativi alla possibile esistenza di entità spiritiche; ha poi proiettato decine di filmati, per lo più scaricati da internet al fine di insegnare al pubblico come riconoscere i documenti falsi da quelli verosimilmente veri, e devo dire che, oltre ogni mia rosea aspettativa, c’era gente veramente preparata ed interessata all’argomento.

Molti rispondevano con certezza che quel dato video fosse spudoratamente vero o falso, e spesso, quelli di cui il pubblico era in dubbio, il Perrotta ne spiegava con rigore gli elementi costitutivi.

I suoi studi lo hanno portato a raccogliere tutte le prove, sia quelle a favore che quelle contro, orientando le operazioni alla ricerca della verità oggettiva (o quanto più oggettiva possibile). Questa scelta metodologica impone un certo rigore; pertanto, moltissimi casi si risolvono da soli, mentre altri vengono sistematicamente e spudoratamente sconfessati.

Giulio Perrotta ha effettivamente portato dei dati che sembrano dimostrare l’esistenza di entità soprannaturali, lasciando sempre il dubbio in ordine alla spiegazione organica: in sostanza, ci sono certezze sull’esistenza ma non si hanno prove sicuro su cosa sono realmente.

Le ipotesi in esame sono diverse e per tutta la sera sono state analizzate puntualmente, lasciando da parte qualunque pregiudizio, senza mai abbandonare il rigore scientifico.

Sappiamo con certezza, però, che qualunque cosa siano, si muovono in uno spazio visivo ed uditivo diverso dal nostro; per ragioni organiche e fisiologiche, il nostro orecchio e la nostra vista non possono udirli e/o vederli, se non in particolari condizioni.

Non è stata esclusa nemmeno l’ipotesi di alterazione del campo elettro-magnetico, lasciando intendere che su questo campo i prossimi studi dovranno concentrarsi.

Ha poi affrontato il tema della reincarnazione, portando dati scientifici e analisi effettuate da illustri psicanalisti e psichiatri, specializzati in ipnoterapia; la reincarnazione sempre davvero non essere una fantasia ma una “qualcosa” di reale, come narrato anche nei testi sacri orientali.

Tramite il suo profilo FB ha poi postato diversi link a siti internet, dove si parlava del tema, rafforzando la tesi che la scienza può e deve giocare un ruolo chiave nella spiegazione oggettiva del fenomeno.

La serata è stata poi intensa di eventi personali e racconti toccanti, lasciando emergere la parte più intima e privata del vissuto umano, come la perdita di un parente o di un caro e il desiderio di poterli ritrovare ancora una volta; su questo punto il Perrotta ha sconsigliato l’uso della tavola Ouija, strumento utilizzato per le sedute spiritiche “fai da te” tavola sulla quale sono disegnate tutte le lettere dell’alfabeto, i numeri dallo 0 al 9, spesso un “sì” e un “no” e altri simboli.

Come stesso da lui sostenuto non ci sono prove scientifiche a riguardo ma l’esperienza personale ha suggerito ai presenti di non utilizzare questo strumento perché potrebbe favorire la canalizzazione di energie psichiche inconsce e dunque aprire canali di comunicazione con qualcosa che ancora non riusciamo a spiegare e a conoscere.

Interessante la discussione di questo incontro…. ma troppo coinvolgente emotivamente…. soprattutto per le storie personali raccontate…. ottima comunque la sensibilità con cui il relatore le ha trattate.

Ecco…. questa relazione è per te… che ne l hai chiesta quel sabato pomeriggio… ma ora saprai meglio di tutti noi cosa sono e cosa fanno gli spiriti.

di Cinzia Somma 

Written By
More from Cinzia Somma

Una fontana per favore!

Questo pomeriggio, finita la solita corsa di 10 km ho fatto un...
Read More

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *